Maserati Bora - revisione auto

Photo Maserati Bora

Nel marzo 1971, la Maserati Bora fa il suo debutto al Salone di Ginevra, senza dubbio una delle auto più belle e leggendarie. Giorgetto Giugiaro stesso ha lavorato presso ItalDesign per creare la carrozzeria. La forma di questo modello si è distinta per la sua eleganza e bellezza. Bora era bassa (altezza era solo 1,15 m), con un naso affilato di profilo e coda acutamente tagliata. La porta ha ricevuto una profonda inclinazione in avanti, come se stesse ripetendo il contorno del sedile. Su un potente cestello centrale si trova il serbatoio del gas del boccaporto con un lucchetto in miniatura. Proprio dietro al bar c'è un lungo vetro triangolare che si estende fino a poppa.

Dietro il retro, Bora mostra lanterne laconiche, una modesta fascia paraurti cromata e quattro tubi di scappamento sporgenti. I fari retrattili nascosti nel vano motore sono duplicati da un paio di potenti fendinebbia. Questo stile rettilineo tritato diventerà nel tempo la firma originale del Maestro Giugiaro. Lo stile della coupè biposto Bora è diventato un classico degli anni '70. Gli interni sono stati realizzati nello stile tradizionale Maserati: rivestimenti in pelle bicolore del cruscotto e dei sedili. La cabina è abbastanza spaziosa per un'auto di questo tipo. La visibilità da parte del guidatore va oltre le lodi.

Photo Maserati Bora

Il volante è stato regolato per l'angolo di inclinazione e per la partenza, ma il sedile del guidatore non può essere spostato, ma questo è stato in parte compensato dal gruppo pedale regolabile. Sul cruscotto è installato lo strumento analogico dell'azienda italiana Veglia: tachimetro, contagiri, manometro olio, temperatura olio, temperatura liquido di raffreddamento, indicatore livello carburante e indicatore di carica batteria. A proposito, i famosi orologi Maserati sul modello Bora erano ancora insignificanti - un cerchio nero tra gli altri indicatori dello stesso tipo.

Sulla console centrale si trovano i pulsanti di controllo per gli alzacristalli elettrici, l'aria condizionata e la radio. Per ridurre il rumore del motore in cabina, tutti i Bora erano dotati di un pannello di alluminio con moquette, che si nascondeva sotto l'unità di potenza. Tra la cabina e il vano motore c'era una parete divisoria aggiuntiva. La capacità di avvio era di 283 litri. Le prime macchine hanno ricevuto corpi di alluminio, quindi sono stati realizzati in acciaio. Il corpo portante del corpo era una piattaforma di acciaio con amplificatori tubolari. Il motore e la trasmissione erano situati su una barella separata a prova di vibrazioni.

Photo Maserati Bora

Questa soluzione ha permesso di evitare l'eccesso di peso (la massa della macchina non superava le 1,5 tonnellate) e allo stesso tempo ha lasciato la libertà per le successive trasformazioni del corpo. Un'attenzione speciale merita il cuore di Maserati Bora. Il modello ha ricevuto una società di motori classica - a forma di V, otto cilindri, 4,7 litri di cilindrata, con quattro alberi a camme e 32 valvole (4 per cilindro), 310 CV. a 6000 rpm e 461 Nm di coppia a 4200 rpm. Con questo motore, il coupé ha accelerato da zero a cento in 6,5 secondi. La velocità massima raggiunse i 265 km / h.

Sulle possibilità di questo motore dice questo fatto - sulla 2a marcia l'auto potrebbe muoversi ad una velocità di 128 km / h. Nonostante la complessità del design, il motore era leggero (interamente realizzato in leghe di alluminio) e compatto grazie al piccolo angolo (200) tra le valvole di aspirazione e di scarico. Dal 1973, un motore da 4,9 litri del modello Ghilbi con controllo delle emissioni di scarico è stato installato sulla vettura, grazie al quale la coupé potrebbe essere esportata negli Stati Uniti. La potenza del motore è scesa a 300 hp a 6000 rpm e la coppia è scesa a 420 Nm a 3500 rpm. Nel 1975, Alejandro de Tomaso divenne il capo della compagnia Maserati.

Era uno di quelli che apprezzano un giro più caldo, quindi tutta la Bora ha iniziato a completare il motore con 4,9 litri, ma con una capacità di 320 CV. a 5500 rpm e 454 Nm a 4000 rpm. Il motore è stato aperto aprendo il pannello posteriore, nel quale sono stati installati i finestrini laterali e l'enorme lunotto posteriore con riscaldamento.

La ruota di scorta si trovava nel vano motore sopra il cambio dietro il motore. Tutte le sospensioni delle ruote erano indipendenti con ammortizzatori idraulici. Tutte le ruote erano freni a disco ventilati. Tutta l'idraulica con cui sono stati azionati i freni, il servosterzo e gli ammortizzatori sopra menzionati sono stati presi in prestito da Citroen. Ruote di quindici pollici con pneumatici Michelin 215x70, con un profilo alto, hanno leggermente ammorbidito le sospensioni.

Nel 1979, una macchina calda, chiamata il freddo vento di nord-est, fu interrotta. Oltre 8 anni di produzione, il coupé ha subito lievi modifiche: il suddetto motore da 4,9 litri è stato installato, i fari in aumento sono diventati rotondi e un'ulteriore presa d'aria è apparsa sul cofano. Oggi, la Bora rimane una delle auto più importanti costruite da Maserati. Questa è un'opera d'arte.

Other autos category Maserati

Other languiges:

🇩🇪de🇪🇸es🇫🇷fr🇬🇧eng🇮🇹it🇵🇹pt

Select category:

🚗 AC Cars
🚗 Acura
🚗 Alfa Romeo
🚗 Asia
🚗 Aston Martin
🚗 Audi
🚗 BMW
🚗 BYD
🚗 Bentley
🚗 Brilliance
🚗 Bristol
🚗 Bugatti
🚗 Buick
🚗 Cadillac
🚗 Changan
🚗 Chery
🚗 Chevrolet
🚗 Chrysler
🚗 Citroen
🚗 Dacia
🚗 Daewoo
🚗 Daihatsu
🚗 Datsun
🚗 De Tomaso
🚗 Derways
🚗 Dodge
🚗 FAW
🚗 Ferrari
🚗 Fiat
🚗 Ford
🚗 GMC
🚗 Geely
🚗 Great Wall
🚗 Honda
🚗 Hummer
🚗 Hyundai
🚗 Infiniti
🚗 Isuzu
🚗 JMC
🚗 Jaguar
🚗 Jeep
🚗 Kia
🚗 Lamborghini
🚗 Land Rover
🚗 Lexus
🚗 Lifan
🚗 Lincoln
🚗 Lotus
🚗 Luxgen
🚗 MG
🚗 Maserati
🚗 Maybach
🚗 Mazda
🚗 Mercedes
🚗 Mercury
🚗 Mini
🚗 Mitsubishi
🚗 Mitsuoka
🚗 Nissan
🚗 Noble
🚗 Oldsmobile
🚗 Opel
🚗 Peugeot
🚗 Plymouth
🚗 Pontiac
🚗 Porsche
🚗 Renault
🚗 Rolls Royce
🚗 Rover
🚗 Saab
🚗 Saturn
🚗 Seat
🚗 Skoda
🚗 Smart
🚗 Ssang Yong
🚗 Subaru
🚗 Suzuki
🚗 Toyota
🚗 Volkswagen
🚗 Volvo
🚗 Vortex

Follow me!